Alla luce della situazione attuale di emergenza, la Romagna Visit Card ha deciso a malincuore di prendersi una pausa in questo 2020.

L’intero sistema turistico, non solo quello del nostro territorio, sta vivendo un momento molto difficile; per questo, siamo già al lavoro per rendere la Card uno strumento ancora più evoluto ed integrato, che possa contribuire a una maggiore attrattività del territorio e al rilancio del settore, una volta superata l’emergenza.
Per tutti gli aggiornamenti continuate a seguirci sulla pagina Facebook, che rimane sempre attiva come canale informativo e punto di contatto con gli utenti.
A presto!

Notice
  • Google Geocoding API error: The request was denied.

Il Cardello di Casola Valsenio

Il Cardello è la casa in cui lo scrittore faentino Alfredo Oriani trascorse gran parte della sua vita e scrisse tutte le sue opere. L’edificio risale probabilmente al secolo XI, ed è stato foresteria dell’Abbazia benedettina di Valsenio, la cui esistenza è documentata a partire dal 1126. Il padre di Alfredo lo acquistò nel 1855 e vi si stabilì nel 1866.

Alfredo Oriani (1852-1909), nella sua poliedrica attività di saggista, romanziere, storico, drammaturgo, giornalista, fu un osservatore acuto della società italiana ed oggi è considerato una delle figure più rappresentative del suo tempo, della crisi politica e culturale vissuta dal nostro Paese fra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento.

L’attuale assetto del Cardello, si deve ad una ristrutturazione profonda ma non sempre rispettosa dell’originale fatta nel 1926. Con il suo intreccio di romanico autentico e di finto antico, il Cradello costituisce senza dubbio un monumento di indubbio interesse, la cui austera suggestione è accentuata dalla stupenda cornice del parco. L’interno della casa è un raro esempio di abitazione signorile romagnola fra Otto e Novecento: la rappresentazione intatta del gusto e di un’epoca, con stanze, come lo studiolo e la camera da letto di Alfredo Oriani, lasciate così come erano.

Il complesso è oggi di proprietà della Fondazione Casa di Oriani, grazie alla donazione fatta dalla nuora di Alfredo Oriani, Luisa Pifferi, che qui ha vissuto fino alla morte, nel 1979. Passeggiate tra le stanze tra mobili antichissimi (alcuni risalgono all’epoca in cui Il Cardello apparteneva all’Abbazia) e suppellettili curiose ed originali, scoprite vecchi attrezzi per cucinare, lavorare la terra, produrre il vino. E fermatevi ad ammirare la bicicletta con cui lo scrittore, considerato un po’ il padre del “cicloturismo”, compì nel 1897 in solitaria il viaggio di quasi 1000 km tra Romagna e Toscana, che gli ispirò una tra le sue opere più amate: “La Bicicletta”.

Indirizzo

  • Indirizzo: Via Il Cardello
  • Città: Casola Valsenio (RA)