• Home
  • In Romagna, un itinerario verde per le famiglie - Viaggiare con Romagna Visit Card

  

IN ROMAGNA, UN ITINERARIO VERDE PER LE FAMIGLIE 

 

Mi sono prefissata di aiutare Gaia a organizzare una fuga dalla città: arriva in auto domani da Milano con tutta la famiglia (marito e figli di 5 e 7 anni), famiglia giovane a basso budget, max due pernottamenti in Romagna tanta voglia di fare scoperte insieme ed emozionare anche i più piccoli. Le ho proposto una soluzione a mio parere allettante: acquisto della Romagna Visit Card per i due adulti, al costo di 12,00 euro l’una, che dà diritto alla Romagna Visit Card Just 4Kids gratuita per i due bambini in accompagnamento.

di Antonella Barozzi - www.livingravenna.com

 

Come di consueto non mi sono sottratta al compito di accompagnarli, è sempre un piacere, e posso farlo grazie alla Romagna Visit Card che mi consente l’ingresso gratuito a 3 siti che sono di nostro interesse per questo itinerario, e l'accesso a traiffa ridotta alla Casa delle Farfalle di Milano Marittima.

casa-delle-farfalle-048Prima giornata insieme: si comincia dalla Casa delle Farfalle a Milano Marittima (RA), con apertura la mattina, sosta in un chiosco piadine per il pranzo, seconda tappa al Museo NatuRA di Sant’Aberto (RA) e partecipazione ad escursione con guida naturalistica all’Oasi di Boscoforte, un assoluta eccellenza del nostro territorio verde. Pernottamento in un agriturismo delle vicinanze, con ampio spazio verde per i bimbi e la possibilità di fruire di una cena preparata secondo la tradizione romagnola. Vedi www.antichimestieri.ra.it

Secondo giorno insieme: visita al Museo della Marineria di Cesenatico (FC) con sosta pranzo presso uno dei tanti suggestivi ristoranti lungo il Portocanale, visita alle Saline di Cervia (RA) con partecipazione alle 17.00 a visita guidata in barcone. Rientro a Milano in serata.

Cominciamo dunque dalla Casa delle Farfalle, via Jelenia Gora 6/d, Milano Marittima (RA): i bimbi sono entusiasti, sono grandi appassionati di coleotteri in genere. Prima di passare nella serra ci siamo soffermati all'esterno, nel piccolo giardino botanico, ad ammirare le specie arboree presenti e a leggere le semplici didascalie esplicative. Poi all'interno abbiamo scattato innumerevoli fotografie, nel tentativo di fermare i voli più belli e i colori più accesi. Belle anche le piante, i bimbi catturati da quelle carnivore in esposizione. Potevamo farci mancare una piadina rucola, squacquerone e crudo una volta arrivata l'ora di pranzo? Sulla strada per Sant'Alberto (RA) ci siamo fermati in un chiosco con parcheggio e comodamente seduti all'ombra ce la siamo divorata.

Museo-NatuRA-076Il pomeriggio inizia all'interno del museo NatuRA, che presenta la collezione Brandolini, una collezione amplissima che ben rappresenta tutta le specie di volatili presenti a queste latitudini e un certo assortimento di animali provenienti da altre zone del globo. I bimbi affascinati da un esemplare di tridacna al piano superiore, molto grande davvero. bello lo spazio bimbi utile per disegnare mentre gli adulti si prendono un po' di tempo per chiacchierare amabilmente, in attesa che arrivi la guida per l'escursione all'oasi di Boscoforrte. Siamo fortunati, questa escursione si compie il pomeriggio del sabato alle 17.00 anche se il numero minimo di 10 partecipanti non è stato raggiunto. Ci attendono due ore di cammino in un'area privata, totalmente intatta, nella quale potremo ammirare anche alcuni esemplari di cavalli bianchi Camargue/Delta. I ragazzi non vedono l'ora di partire, e noi con loro. Si arriva dopo breve al traghetto, qualche minuto di traversata e siamo nel territorio di Argenta, provincia di Ferrara. I volatili da queste parti sono tantissimi, i più numerosi sono i Cavalieri d'Italia, ma non mancano i fenicotteri rosa. i cavalli bianchi li vediamo solo da una certa distanza. Siamo stanchi a fine visita ma assolutamente estasiati dallo spettacolo, grandi e piccoli. L'ora di accomiatarsi si avvicina, io torno verso casa, loro si fermano per la notte a San Romualdo (RA presso il B&B "Antichi Mestieri", via Paltanella 6.

Cesenatico-100La mattina seguente alle 10.00 siamo già arrivati a Cesenatico, obbiettivo visita al museo della Marineria, sul Porto canale, per entrare in contato con la tradizione locale. Un traboccolo e un bragozzo ci attendono al piano terra, costruite entrambe nel 1921, di tanto in tanto l'estate prendono il mare issando le loro vele. Stupendi i colori delle vele, tinte forti, come i marinai di un tempo che fu. Piace molto ai più piccoli la sala dedicata alle ancore, di tutte le forme e dimensioni. Pranzo all'aperto, complice la bella giornata di sole. Sul porto canale, per non lasciarci sfuggire il fascino di questa opera di ingegneria pensata da un italiano illustre, Leonardo Da Vinci. Momenti di dolce relax al ristorante "La cantina del porto", via Moretti 28, Cesenatico (FC). Si parte nuovamente, destinazione Centro Visite Saline di Cervia, via Bova 61, Cervi a(RA) Un viaggio nella tradizione cervese, non solo nella natura. All'inizio la guida ci racconta la storia delle saline mentre siamo comodamente seduti presso la sala conferenze, poi saliamo su un barcone per effettuare la visita alle saline, dotati di giubbetto salvagente per i più piccoli e piccolo casco bianco.

Che emozione per i ragazzi! Una passeggiata tra colori mozzafiato, nidi di uccelli a bordo vasche, bacini salanti dai colori rosati, volatili nel cielo e la voce della guida che racconta, racconta...... La giornata sta per terminare, gli amici sono sazi e felici per le tante emozioni, per le belle esperienze condivise, ci accomiatiamo ripromettendoci di replicare presto, sempre utilizzando la "Romagna Visit Card"